Primo test intercultura

Allora è sconsigliato per una persona timida e/o insicura? Assolutamente no. Il bello dell'esperienza è che sin dall'inizio non sei mai solo. Prima della partenza ci stanno vari orientamenti per tutti i candidati della stessa regione su quali sono i problemi che si potrebbero affrontare all'estero. Quindi i ragazzi certamente si sentono impauriti da quello che si possono trovare davanti ma allo stesso tempo si sentono uniti in quanto appunto è uno stato d'animo condiviso da più persone e si consigliano a vicenda. Inoltre anche arrivati nel paese di destinazione ci sono più orientamenti/camping dall'AFS di destinazione con anche tutti gli altri ragazzi di altri paesi tipo Austria, Germania, USA etc... Inoltre ogni ragazzo all'estero è supervisionato da un volontario che mensilmente gli chiederà come si trova etc. In casi estremi basta contattare AFS Italy e si cambia famiglia in meno di 24h. AFS è una rete vastissima ed anche solo il fatto di appartenere alla stessa associazione e di aver provato più o meno le stesse difficoltà/emozioni rende le persone unite e costruisce una forma di empatia tra le persone che è unica.

Primo test intercultura

primo test intercultura

Media:

primo test interculturaprimo test interculturaprimo test interculturaprimo test interculturaprimo test intercultura

http://buy-steroids.org